sabato 11 gennaio 2014

Pippo, Pippo non lo sa...

Ieri sera alla Colonia Fluviale San Benedetto a Trezzo sull'Adda Maurizio Landini presentava il suo libro: "Forza lavoro" (Feltrinelli - 14 euro).
Alla presentazione, nella Colonia, partecipano anche Pippo Civati e Tito Boeri.
Maurizio Landini è il leader della FIOM, corrente di minoranza della CGIL, Civati è stato recentemente trombato alle primarie del PD e Tito Boeri, economista e docente alla Bocconi di montiana memoria, è fratello di Stefano, trombato alle primarie per il posto di Sindaco al Comune di Milano.
Un pugno di persone non proprio vincenti, diciamocelo, in tutta sincerità.
Il pubblico non fa differenza, troppi pensionati e troppo pochi giovani.
Landini è un trascinatore, sa toccare le corde giuste, scatena appalusi a piene mani.
Tito Boeri invece sembra un Tavor, come il suo "Magnifico Rettore Chiarissimo", parla a fiume senza mai dire nulla.
Pippo Civati ha un futuro assicurato, qualora la sua esperienza politica volgesse al termine, un vero comico, stacca una battuta dopo l'altra.
Ad un certo punto ha detto che chi afferma che destra e sinistra sono uguali, è di destra.
Con una sola battuta ha dato del fascista a Giorgio Gaber e s'è dimenticato che con il centro destra da 26 mesi ci governa il PD.
Fuori dalla sala, in disparte, intravedo un ilare Fabio Pizzul, quello che ancora definisce gli inceneritori: termovalorizzatori.
Come nei migliori gialli, l'assassino che torna sempre sul luogo del delitto. 

Nessun commento:

Posta un commento